Societario

Il nostro lavoro è favorire la vita e la crescita delle imprese, con grande attenzione ai continui cambiamenti dell’assetto normativo, alle nuove opportunità offerte dalle politiche di sviluppo e, soprattutto, anticipando le necessità delle aziende.

Costituzioni e adempimenti di società

Offriamo consulenza societaria, assistenza giuridica e analisi patrimoniale volta a tutelare il cliente dal rischio di impresa.
Si tratta di un servizio rivolto alle società più grandi e strutturate, alle quali consigliamo la migliore veste giuridica da adottare.
Il nostro approccio pone massima attenzione allo stato di salute dell’impresa, con accurato esame dei diversi indici di bilancio. Siamo convinti sostenitori del dialogo costante con il cliente. Le decisioni prese di comune accordo possono assicurare maggiore efficacia nell’ottica di garantire all’azienda un futuro più solido.

Consulenza Tributaria e Societaria

Offriamo una consulenza vasta e integrata che si concretizza in una gamma di prestazioni che spaziano da interventi di carattere giuridico a quelli di carattere economico, fiscale e aziendale. Interventi che richiedono conoscenze tecniche estremamente specialistiche e un aggiornamento quotidiano per la conoscenza e l’interpretazione della continua evoluzione legislativa.
Accanto alle tradizionali competenze nelle materie economiche, fiscali, finanziarie, legali e contabili, sono sempre più oggetto dell’attività professionale l’amministrazione e la liquidazione di aziende, di patrimoni e di beni di singoli cittadini, le perizie e consulenze tecniche, le ispezioni e revisioni amministrative, la consulenza contrattuale, le funzioni di sindaco e di revisore ( con particolare riferimento al nuovo codice della crisi di impresa) , nelle società commerciali come negli non profit.
Seguiamo le Società in tutto il loro percorso di vita:

  • Nascita – con la definizione di un progetto imprenditoriale e le relative valutazioni economiche, finanziarie e fiscali;
  • Sviluppo – con interventi di tipo finanziario, organizzativo contabile, giuridico, di diagnosi e controllo di gestione;
  • Liquidazione – dove si rendono necessarie le verifiche di correttezza giuridica e di economicità delle operazioni.

 

Operazioni Straordinarie

Si intendono per operazioni straordinarie tutte le attività di cui l’impresa ha bisogno in via eccezionale in determinate fasi della propria esistenza.

  • cessioni e conferimenti d’azienda
  • scissioni, vendite di partecipazioni o di rami di azienda
  • liquidazioni e trasferimento quote
  • fusioni e acquisizioni
  • assistenza nelle procedure concorsuali
  • risanamento, ristrutturazioni aziendali, riorganizzazioni societarie
  • gestione dei patrimoni immobiliari e passaggio generazionale
  • tutela del patrimonio personale.
Redazione bilanci

Lo Studio presta consulenza ed assistenza per la formazione di bilanci di esercizio e consolidati, secondo le norme del Codice Civile, i principi contabili nazionali ed internazionali e le norme fiscali.
Il bilancio di esercizio costituisce il momento di sintesi dell’attività annuale dell’impresa e rappresenta il “biglietto da visita” che l’impresa trasmette a tutti i soggetti che, a vario titolo, hanno interessi verso di essa (sistema bancario, fornitori, clienti, istituzioni e fisco e soggetti interessati, a vario titolo, ad intraprendere una partnership con essa).
L’elaborazione del bilancio, pur essendo un’attività che si ripete al termine di ogni esercizio, costituisce pertanto un momento di grande importanza per i soci e i soggetti ad essa interessati in quanto rappresenta uno strumento di analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società e di confronto con il Benchmark di riferimento. Lo Studio, presta pertanto la propria consulenza ed assistenza avendo ben presente la finalità del documento finale: il processo di redazione del bilancio avviene in piena condivisione con il Cliente il quale viene fatto partecipe delle principali decisioni valutative , nel rispetto delle norme stabilite dal Codice Civile, dai principi contabili e dalle norme fiscali.
Accanto alla consulenza ed assistenza nella redazione del bilancio d’esercizio e consolidato, lo Studio effettua da sempre l’analisi di bilancio, consistente nella costruzione e rilevazione degli indici che consentono sia di valutare, assieme al Cliente, la struttura e l’equilibrio finanziario e patrimoniale dell’azienda (c.d. indici finanziari e patrimoniali ) e la capacità dell’impresa di produrre redditi nel tempo (c.d. indici di redditività: ROI, ROE, ROS).
Mediante l’analisi di bilancio lo Studio offre al Cliente una consulenza altamente qualificata che consente di valutare, sulla base di una serie storica di almeno tre anni, la situazione e la struttura economico-finanziaria presente e passata dell’azienda, consentendo, nel contempo, la programmazione ed il controllo della gestione futura con le eventuali azioni correttive da intraprendere.

Revisione Contabile

Tale attività è rivolta a fornire servizi di revisione capaci di garantire l’attendibilità, la completezza e l’intellegibilità delle informazioni fornite dal bilancio e dalle scritture contabili, mediante l’utilizzo di idonee procedure di revisione conformi ai principi di revisione contabile comunemente accettati in Italia (I.S.A. Italia) o all’estero (I.S.A.).
L’attività di revisione contabile consiste nell’ispezione, controllo sistematico e verifica delle registrazioni contabili, al fine di accettarsi che siano svolte in maniera accurata e conformemente alla struttura, alle norme stabilite dalla legge in materia di bilancio e dai principi contabili di riferimento.
I revisori di bilancio sono professionisti che studiano e verificano con idonee procedure di revisione i bilanci delle aziende e, con una relazione finale, ne “attestano” l’attendibilità, a garanzia della solidità economica, patrimoniale e finanziaria dell’impresa stessa.
L’attività di revisione contabile, oltre ad essere prescritta in determinati casi previsti dalla legge (Società quotate, Istituti di credito , Assicurazioni , Cooperative ,Società per azioni, società obbligate alla redazione del bilancio consolidato, società a responsabilità limitata di dimensioni maggiori..),può essere richiesta, volontariamente, dai soci o soggetti terzi interessati, come forma di “garanzia e tutela ” circa l’attendibilità dei valori contabili e delle informazioni esposte nel bilancio o anche in occasione di operazioni straordinarie e di M&A a supporto delle decisioni di acquisizione di partecipazioni o d’ingresso di nuovi soci nella compagine societaria.
L’attività di Analisi e Valutazione delle procedure contabili, gestionali e dei sistemi di controllo amministrativo
L’attività di studio e valutazione del sistema di controllo contabile interno è rivolta a comprendere la struttura organizzativa e tutte quelle procedure applicate nell’ambito di una società per salvaguardare il patrimonio, verificare la correttezza e la attendibilità delle registrazioni contabili e della documentazione, dare impulso alla efficienza operativa ed incoraggiare l’osservanza delle procedure stesse.
Una moderna e sana gestione aziendale non può prescindere dall’esistenza e dal funzionamento di procedure di controllo interno e da sistemi pratici, affidabili ed efficaci di rilevazione, analisi e controllo delle operazioni.
I professionisti dello Studio sono tutti in possesso di iscrizione al Registro dei Revisori ed hanno sviluppato esperienze e capacità professionali sia per assumere la carica di sindaco/revisore di società, quando prescritto dalla legge, sia per assistere le aziende in attività di revisione contabile e di valutazione delle procedure di controllo interno su incarico specifico.

Gestione della crisi di impresa

Il DLgs. 12.1.19 n. 14, emanato in attuazione della L. 19.10.2017, ha introdotto nel nostro ordinamento il Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza, una riforma organica della disciplina delle procedure concorsuali. L’entrata in vigore della nuova disciplina è prevista per il 15.8.2020, decorsi 18 mesi dalla sua pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale (14.2.19).
Nella sua formulazione il legislatore ha voluto perseguire le seguenti finalità:

  • riordino della disciplina legata alla crisi e all’insolvenza, con la costituzione di una normativa unitaria che sostituisse l’attuale Legge Fallimentare (R.D. 16 marzo 1942, n. 267)
  • imposizione agli imprenditori dell’adozione di misure idonee e di un assetto organizzativo adeguato (art. 2086 del codice civile) per la rilevazione delle situazioni di crisi e l’adozione tempestiva delle opportune iniziative
  • salvaguardare la continuità delle imprese, attraverso l’avvio del processo di ristrutturazione nella fase di inizio della crisi
    demandare agli Organismi di Gestione della Crisi dell’Impresa (OCRI) il processo di gestione della crisi.

La nuova disciplina è pertanto ispirata ad una logica di prevenzione, attuata attraverso una serie di procedure di allerta, volte ad intercettare tempestivamente le situazioni di crisi aziendale e, attraverso gli opportuni interventi correttivi, a salvaguardare la continuità aziendale. In tale contesto viene attribuito un compito attivo di controllo rafforzato agli organi di vigilanza.
Dal punto di vista del soggetto giuridico la nuova normativa disciplina tutte le situazioni di crisi o di insolvenza del debitore sia esso consumatore, professionista o imprenditore, fatta eccezione per lo Stato, gli enti pubblici e i soggetti sottoposti a leggi speciali in materia di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi e liquidazione coatta amministrativa.
Il nuovo contesto normativo pone a carico di diversi soggetti coinvolti (Amministratori, Collegio Sindacale, Società di Revisione e creditori pubblici qualificati) precisi obblighi e responsabilità al fine di garantire la tempestiva gestione della crisi di impresa. I punti cardine della normativa possono essere sintetizzati come segue:

  • adozione di strutture organizzative adeguate
  • strutturazione di un processo di reporting e di monitoraggio, improntati in ottica di tipo prospettivo (forward looking)
  • costantemente monitoraggio del going concern, e degli indicatori di crisi di tipo prospettico
  • vigilanza del Collegio Sindacale e Società di Revisione
  • obblighi di segnalazione (interna e esterna) agli organi creditori pubblici qualificati al superamento di determinate soglie di esposizione
  • gestione della crisi aziendale demandata agli OCRI istituiti presso le camere di commercio
Valutazioni d'azienda: stime,perizie e trasferimento di azioni o quote

Durante la vita d’impresa, i momenti che richiedono una stima del valore economico del suo capitale o di alcuni suoi asset sono molteplici. Negli attuali scenari competitivi, la valutazione d’azienda è divenuta una problematica che i professionisti che affiancano le imprese si trovano ad affrontare sempre più frequentemente.
La valutazione d’azienda è un’attività che coinvolge aspetti non solo contabili, ma anche fiscali, giuridici, ambientali, geografici e di mercato.
Lo Studio nel corso degli anni, ha acquisito numerosi incarichi in materia di valutazioni d’azienda.
In particolare lo Studio si è occupato di:

  • Valutazioni obbligatorie per legge:
  • nell’ambito di operazioni di conferimento d’azienda o trasformazione societaria;
  • ai fini della rivalutazione delle partecipazioni societarie;
  • nell’ambito di procedure esecutive;
  • ai fini del recesso del socio;
  • Valutazioni volontarie nell’ambito di operazioni di compravendita di azioni o quote societarie o rami d’azienda;
  • Valutazioni operate per conto di procedure concorsuali di partecipazioni acquisite all’attivo inventariale.
    I professionisti dello Studio, hanno anche effettuato valutazioni di specifici asset aziendali quali marchi e brevetti.

Perizie e valutazioni sono alla base, tra l’altro, della progettazione e realizzazione di numerose operazioni straordinarie, lo Studio è in grado di effettuare valutazioni di aziende, rami di azienda, patrimoni, singoli beni e diritti, redazioni d’inventari e di bilanci straordinari,
Lo Studio offre consulenza in materia di determinazione del valore economico di società, gruppi di società, nonché pareri di ragionevolezza sulla congruità dei prezzi definiti dalle parti nell’ambito di una trattativa.
Le metodologie di valutazione utilizzate sono quelle maggiormente utilizzate e considerate di “best practice” in relazione all’oggetto della valutazione , di seguito elencate:
Metodo del Discounted Cash Flow
Il metodo del DCF è quello più accreditato dalle moderne teorie aziendali ed è particolarmente indicato nella valutazione di singole aree di business dell’impresa, capaci di generare autonomi flussi di cassa.
Il metodo misto patrimoniale–reddituale
Questo metodo, consente di considerare, nel processo valutativo, tanto le prospettive di reddito dell’azienda, quanto la sua effettiva consistenza patrimoniale: la stima sarà idonea, pertanto, a riflettere gli elementi di obbiettività e verificabilità propri dell’analisi patrimoniale (valutazione dell’attivo, ivi compresi i beni e i diritti, al netto dei capitali dei terzi investiti in azienda), senza tuttavia trascurare le attese reddituali, concettualmente più rappresentative del valore economico dell’azienda.Il metodo misto essendo una combinazione tra il metodo patrimoniale e quello reddituale , può assumere diverse configurazioni tra le quali, la più diffusa è quella con “stima autonoma del goodwill”.
Il Metodo dei multipli di mercato
Il metodo dei multipli di mercato si basa sull’applicazione di moltiplicatori rivenienti dal mercato a grandezze significative economico- patrimoniali della azienda oggetto di valutazione. Lo scopo è sviluppare rapporti – i multipli– finalizzati ad individuare la relazione che lega il prezzo di mercato del capitale delle imprese con variabili economiche aziendali. I multipli così calcolati sono applicati alle variabili economiche della società oggetto di valutazione in modo da giungere, per moltiplicazione, al valore ricercato. Tale metodo assume direttamente dal mercato le attese di crescita dei risultati e l’apprezzamento del rischio.

Potrebbe interessarti...

Il Bonus Pos 2020

A partire dal primo luglio 2020, i titolari di partita IVA possono richiedere il Bonus Pos. Si tratta di un credito d’imposta spettante sulle commissioni

continua a leggere..

Se hai bisogno di aiuto in ambito societario contattaci

Sarai affiancato da un professionista dello studio che potrà fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno